Cascate del Giano
Autore: Paolo Malvestiti e Marco Panzolini

Distanza: 46 km
dislivello: 1.840 m
altitudine max : M. Serrasanta 1.410 m

Il giro inizia a Gualdo Tadino e la prima salita della giornata ci porta a Valsorda da cui a sinistra si prende il bellissimo single track del castagneto che taglia a tre quarti il m. Maggio. Arrivati al laghetto artificiale sotto le pale eoliche di Cima Mutali si scende nel versante marchigiano per il sentiero che ci porterà a Cancelli di Fabriano. Prima di arrivare a Cancelli si attraversano le spettacolari cascatelle del fiume Giano. A Belvedere inizia la salita più dura per lunghezza e pendenze (non scende mai sotto il 12%) che ci condurrà all'eremo di Serrasanta. Qui fatevi una pausa ad ammirare il panorama mozzafiato per poi buttarvi in discesa verso la "balza di mezzogiorno" (attenzione forti pendenze e rischio cadute) e poi prendere il sentiero della Spina, anche questo molto molto tecnico (per discesisti esperti). Alla fine si arriva alla rocca di Gualdo passando accanto al convento dei frati Zoccolanti.

Le discese vanno fatte con la massima cautela, e comunque per fare questo giro molto bello, bisogna avere una adeguata preparazione.

 

SCARICA LA TRACCIA

Album fotografico nella sezione foto: Cascate del Giano